Camera del Lavoro Territoriale di Chieti
Camera del Lavoro Territoriale di Chieti

Nessun profitto sulla pandemia: “NO Profit ON Pandemic”

Comunicati, Emergenza Coronavirus, Eventi, In primo piano, News

www.noprofitonpandemic.eu\it

In vista della giornata di mobilitazione europea del 29 maggio “NO PROFIT ON PANDEMIC” CGIL, CISL, UIL nazionali hanno organizzato presidi nelle città italiane, per raccogliere firme sulla petizione finalizzata ad ottenere la sospensione temporanea dei brevetti su vaccini e farmaci anti-Covid-19. Le iniziative si svolgeranno nel rispetto delle norme di sicurezza emanate dalle Autorità.

La Cgil insieme ad altre 42 organizzazioni è componente del Comitato Italiano, ne fanno parte – tra le altre – Arci, Associazione Dossetti, Cgil, Cisl, Uil, Cobas, Emergency, Forum Acqua, Gruppo Abele, Libera, MDP/art1, Medici per l’ambiente, Medicina Democratica, Oxfam Italia, Partito della Rifondazione Comunista, Reti di Pace, Sinistra Italiana, Un Ponte per, Usb, Verdi.

Le richieste avanzate dalle associazioni promotrici sono in sintesi:

  1. SALUTE PER TUTTI: Abbiamo tutti diritto alla salute. In una pandemia, la ricerca e le tecnologie dovrebbero essere condivise ampiamente, velocemente, in tutto il mondo. Un’azienda privata non dovrebbe avere il potere di decidere chi ha accesso a cure o vaccini e a quale prezzo. I brevetti forniscono ad una singola azienda il controllo monopolistico sui prodotti farmaceutici essenziali. Questo limita la loro disponibilità e aumenta il loro costo per chi ne ha bisogno.
  2. TRASPARENZA ADESSO: I dati sui costi di produzione, i contributi pubblici e l’efficacia e la sicurezza dei vaccini e dei medicinali dovrebbero essere pubblici. I contratti tra autorità pubbliche e aziende farmaceutiche devono essere resi pubblici.
  3. DENARO PUBBLICO, CONTROLLO PUBBLICO: I contribuenti hanno pagato per la ricerca e lo sviluppo di vaccini e trattamenti. Ciò che è stato pagato dalla gente dovrebbe rimanere nelle mani delle persone. Non possiamo permettere alle grandi aziende farmaceutiche di privatizzare tecnologie sanitarie cruciali che sono state sviluppate con risorse pubbliche.
  4. NESSUN PROFITTO SULLA PANDEMIA: Le grandi aziende farmaceutiche non dovrebbero trarre profitto da questa pandemia a scapito della salute delle persone. Una minaccia collettiva richiede solidarietà, non profitto privato. I fondi pubblici dovrebbero sempre essere accompagnati da garanzie di disponibilità e convenienza. Non si dovrebbe permettere a Big Pharma di saccheggiare i sistemi di sicurezza sociale.

Il progetto è ambizioso, occorre raccogliere un milione di firme nei diversi paesi europei, in Italia ne servono 180mila. Chi volesse aderire all’iniziativa e chiedere alla Commissione Europea di fare tutto il possibile per rendere i vaccini e le cure anti-pandemiche un bene pubblico globale, accessibile gratuitamente a tutti e tutte, può firmare la petizione europea presso i presidi territoriali organizzati oppure online direttamente su:

www.noprofitonpandemic.eu\it

Chiamaci Adesso
La tua privacy per noi é fondamentale. Questo sito web utilizza cookies di sessione, di condivisione Social, Google Analytics e Firewall, allo scopo di migliorare la tua esperienza di navigazione,  per il monitoraggio delle visite e per la sicurezza del sito web.